martedì, 9 Luglio , 24

Ue, Weber: “Cordone sanitario contro i Patrioti”

(Adnkronos) - Il presidente e capogruppo...

Wimbledon 2024, Paolini batte Navarro nei quarti e vola in semifinale

(Adnkronos) - L'azzurra Jasmine Paolini batte...

Abi, Sangalli: “Necessaria stabilità finanziaria per sviluppo e occupazione”

(Adnkronos) - “Relazione condivisibile, a cominciare...

A Bari una nonna di cartapesta accoglie la marionetta Amal, simbolo dei bambini rifugiati

A Bari una nonna di cartapesta accoglie la marionetta Amal, simbolo dei bambini rifugiati

BARI – Le ha baciato una mano, in segno di accoglienza e rispetto proprio come si fa con i neonati. Di fronte a lei una statua in cartapesta che le ha aperto le braccia in segno di benvenuto. Così, a Torre a mare a Bari è stata accolta Amal, la marionetta simbolo del festival itinerante dedicato ai diritti dei bambini rifugiati.

“Valorizzare e sensibilizzare l’intera comunità alla tutela dei diritti umani e dell’infanzia, all’accoglienza, alla cultura delle diversità, al clima e all’educazione”, è l’invito via social del garante per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza della Puglia, Ludovico Abbaticchio che ha raggiunto il porticciolo del barese.

Il festival ha iniziato il suo viaggio il 27 luglio scorso e andrà avanti fino al prossimo 3 novembre attraversando otto Paesi: Turchia, Grecia, Italia, Francia, Svizzera, Germania, Belgio e Regno Unito. “Non è solo una marionetta, Amal è una bambina siriana rifugiata di 9 anni, in carne e ossa e rappresenta gli oltre 34 milioni di bambini rifugiati e sfollati, molti dei quali separati dalle loro famiglie – ricorda il garante – Ha vissuto una guerra, ha perso i genitori, è stata costretta a lasciare la sua terra e a viaggiare da sola, di notte e di giorno, attraversando i Paesi e la storia alla ricerca di un futuro. Amal ha paura. Come hanno paura oggi le migliaia di bambine e bambini, donne e uomini che cercano di lasciare la loro terra, l’Afghanistan, perché temono per la vita futura nel loro Paese”.

Abbaticchio sottolinea la presenza “di bambini e famiglie e rappresentanti delle comunità residenti in Puglia che sono un piccolo spaccato della città multietnica che rassicurerà Amal e le racconterà di una terra di ospitalità millenaria, aperta, la cui storia fatta di incontri e attraversamenti, insegna che qui nessuno è straniero”.

Il festival è prodotto dal regista Stephen Daldry, dalla produttrice Tracey Seaward, dal pluripremiato regista teatrale e drammaturgo David Lan e da Good Chance, in associazione con la Handspring Puppet Company e la direzione artistica di Amir Nizar Zuabi, The Walk_Il Cammino ha come partner in Italia, oltre al Teatro Pubblico Pugliese insieme alla Regione Puglia e al Comune di Bari, anche il Teatro di Roma, il MAXXI e il Piccolo Teatro di Milano.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo A Bari una nonna di cartapesta accoglie la marionetta Amal, simbolo dei bambini rifugiati proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles