domenica, 19 Maggio , 24

Coppa d’Africa, domenica la finale Nigeria-Costa d’Avorio

Coppa d’Africa, domenica la finale Nigeria-Costa d’Avorio

ROMA – Domenica sera una tra Nigeria e Costa d’Avorio alzerà al cielo la Coppa d’Africa. Nella 34esima edizione della competizione per nazionali più importante del continente africano, la finale attirerà anche l’attenzione del pubblico italiano, con cinque protagonisti del campionato di Serie A che prenderanno parte all’atto conclusivo. Nella squadra nigeriana protagonista assoluto è Victor Osimhen, attaccante del Napoli, che in semifinale ha trascinato i compagni nella vittoria contro il Sudafrica. Con lui ci sono Ademola Lookman (Atalanta) e Samuel Chukwueze (Milan). Dall’altra parte la Costa d’Avorio, che ha liquidato nell’ultima gara la Repubblica Democratica del Congo, potrà contare sul difensore della Roma, Evan N’Dicka, e sull’attaccante della Fiorentina, Christian Kouamé.

In termini di vittorie, la Nigeria può vantare 3 successi nella competizione (1980, 1994, 2013), contro i 2 della Nazionale ivoriana (1992, 2015), anche se quest’ultima ha un numero maggiore di partecipazioni: 24 contro le 19 delle ‘Super aquile’. Nella storia della Coppa d’Africa ad alzare più volte il trofeo è stato l’Egitto (7), a cui manca il successo dal 2010. Detentore è il Senegal che ha centrato l’obiettivo per la prima volta nell’edizione 2021, svoltasi nel 2022 a causa della pandemia da Covid-19. Anche l’attuale torneo ha subito lo slittamento di 6 mesi (in precedenza era in programma a giugno 2023), a causa delle possibili condizioni climatiche avverse in Costa d’Avorio, Paese ospitante, nel periodo delle inondazioni. La decisione della Caf, la Confederazione del calcio africano, ha avuto ripercussioni anche nel nostro Campionato che ha dovuto fare a meno, per un lungo periodo, di alcuni protagonisti della Serie A. Domenica 11 febbraio ci sarà l’atto conclusivo allo stadio Olimpico ‘Alassane Ouattara’ di Abidjan, con il calcio di inizio fissato per le ore 21. La partita sarà trasmessa in diretta e gratis su Sportitalia.

WILSON (NIGERIANI A ROMA): “CHE FELICITÀ LA COPPA D’AFRICA”

“A noi nigeriani per essere felici basta poco; con la vittoria in Coppa ci dimenticheremmo di tutti i problemi, siamo fatti così”. Fidel Wilson è segretario generale della Comunità nigeriana a Roma, nel Lazio e in Vaticano. Con l’agenzia Dire oggi parla però anche da tifoso.
La finale che assegnerà la Coppa, quella d’Africa, è in programma domenica sera. Le “Super Eagles”, le aquile nigeriane bianco-verdi, affronteranno nello stadio di Abidjan i padroni di casa della Costa d’Avorio. Loro si fanno chiamare “Les Elaphants” e sono avversari di rango, nonostante le difficoltà di inizio torneo. “Siamo due Paesi molto simili e sul piano calcistico pure molto forti” dice Wilson. Convinto che la Nigeria possa farcela. “I giocatori decisivi?” chiede in modo assertivo più che interrogativo. “Saranno due e giocano entrambi in Italia: Victor Osimhen, del Napoli, un gladiatore vero che sa trascinare tutti nonostante le difficoltà legate ad alcuni infortuni; e Samuel Chukwueze, del Milan, scattante come pochi e con grinta da vendere”.
In vista di domenica, la Comunità nigeriana di Roma si sta organizzando per seguire la partita in diretta, insieme, con uno o più schermi comuni. Wilson è in Italia da 26 anni ma con il suo Paese e la cultura d’origine ha rapporti costanti. “Ci basta poco per essere felici”, dice: “Forse sarà perché siamo giovani, con un’età media di 25 o 30 anni, e pazienza se l’economia non va sempre bene e se i politici spesso pensano solo a se stessi”.
Nient’altro? “Giochiamo bene a pallone e cominciamo a farlo presto” risponde Wilson. “Il primo Mondiale under 17 lo abbiamo vinto noi e poi anche altri quattro’”.

DIAKO (IVORIANI A NAPOLI): “DOMENICA VINCE ‘MAMA AFRICA’”

“Che vinca il migliore e soprattutto evviva ‘Mama Africa’” dice al telefono Fatou Diako, presidente della Consulta degli immigrati del Comune di Napoli. Oggi non parla da rappresentante istituzionale ma da tifosa di calcio. Domenica c’è la finale di Coppa d’Africa e al cuore non si comanda: in campo c’è la sua Costa d’Avorio.
“Ma attenzione” si interrompe all’improvviso, quasi non volesse lasciarsi andare. “Come presidente della Consulta rappresento tutte le persone immigrate e dunque tutte e due le nazioni in finale: non solo la Costa d’Avorio ma anche la Nigeria”.
Sono giorni, racconta Diako all’agenzia Dire, di pronostici e di organizzazioni. “Sarebbe stato bello avere un grande schermo all’Anfiteatro Garibaldi, nella zona della stazione, dove ci sono tante comunità, ma i tempi ormai sono stretti; tante amiche e tanti amici li inviterò a casa mia, per guardare la partita insieme, ivoriani, nigeriani e chi vorrà”.
Secondo Diako, il calcio può costruire ponti e migliorare i rapporti tra le persone. “So che in questi giorni”, dice la presidente, “in Africa si respira un clima molto bello, di gioia”.
Domenica sera, la Nigeria sarà ospite della Costa d’Avorio, nello stadio di Abidjan. Diako scherza quando le si chiede se il fattore campo potrà dare una spinta in più a “Les Elephants”, come si chiama la nazionale di casa. Di fronte avranno le “Super Eagles”, le aquile nigeriane.
Il punto, sembra di capire, non sarà però solo chi fa più gol: “Spero solo che questa Coppa possa unire”, sottolinea Diako, “creando un momento di scambio e fraternità tra tutte le comunità africane”.
Un’ultima battuta è su Victor Osimhen, attaccante sia delle “Super Eagles” che degli azzurri campioni d’Italia. “E’ un nigeriano, certo, ma è pure napoletano, proprio come me, che vivo in questa città da 23 anni” dice Diako: “Vinca il migliore”.

L’articolo Coppa d’Africa, domenica la finale Nigeria-Costa d’Avorio proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles