mercoledì, Giugno 23, 2021
No menu items!

Dovizioso all’Università di Bologna per il progetto Red Bull MotoBoost

Ultime Notizie

Vaccino, Aifa: “Astrazeneca controindicato per chi ha pregressa sindrome Cls”

ROMA –  Nei primi giorni successivi alla vaccinazione con Vaxzevria, il vaccino anti covid di AstraZeneca, sono stati segnalati casi...

Ex Ilva, dal Consiglio di Stato niente stop per l’area a caldo

BARI –  È stata pubblicata oggi la decisione del Consiglio di Stato dopo l’udienza dello scorso 13 maggio che...

Secondo giorno consecutivo di sciopero per i lavoratori dell’ex Ilva di Genova

GENOVA – Seconda giornata consecutiva di sciopero e manifestazione per i lavoratori dello stabilimento Acciaierie d’Italia di Genova Cornigliano...

ROMA – Riparte Red Bull MotoBoost, la sfida fra studenti universitari che ha lo scopo di sviluppare un progetto per migliorare l’aerodinamica delle moto, accompagnando i partecipanti in un percorso che porterà i 7 vincitori a vivere un’esperienza unica: una ‘internship’ di sei mesi nel dipartimento Moto 3 di KTM, in Austria.

Kick off dell’edizione 2021, frutto della partnership fra Red Bull, Moto Engineering Foundation, Red Bull MotoGP Rookies Cup e KTM Factory Racing, è stata la lecture internazionale all’Università di Bologna, presentata da Irene Saderini e che ha avuto come ospite d’onore Andrea Dovizioso. Insieme a lui Romà Lopez, Technical Organization & Sportive Support alla Red Bull MotoGP Rookies Cup riders e Victor Vallejo, responsabile dell’Aerodynamic development in Moto 3 KTM.

Di seguito gli argomenti trattati durante la lecture:

Il concetto di aerodinamicaObiettivi della progettazione aerodinamicaLe risorse di un’azienda come KTM per lo sviluppo aerodinamico. Focus su un prototipo Moto3Comunicazione fra fabbrica e team per ottimizzare l’aerodinamica della motoLe finalità degli inner flowsL’esperienza di Andrea Dovizioso con l’aerodinamicaL’esperienza di Andrea Dovizioso a Jerez 2020

In aula erano presenti 130 studenti e altri 1000, che partecipano alla competizione MotoStudent, erano collegati da 16 diversi paesi del mondo. La scelta dell’Università di Bologna non è stata casuale perché UniBo Motorsport ha vinto, nel 2020, la prima edizione di Red Bull MotoBoost.

La competizione dello scorso anno era basata su un progetto di aerodinamica innovativa. Team di studenti, provenienti da tutto il mondo, avevano come obiettivo lo sviluppo completo della carena, includendo dispositivi aerodinamici tra cui le winglets, per migliorare le prestazioni del loro prototipo. In quanto vincitori dell’edizione 2020, gli studenti dell’ateneo bolognese si sono aggiudicati un premio indimenticabile: durante tutto il weekend di gara del Gran Premio di Spielberg, in Austria, in programma dal 13 al 15 agosto, sette studenti del team entreranno a far parte della crew di ingegneri della Red Bull MotoGP Rookies Cup.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Dovizioso all’Università di Bologna per il progetto Red Bull MotoBoost proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

ULTIM'ORA

Vaccino, Aifa: “Astrazeneca controindicato per chi ha pregressa sindrome Cls”

ROMA –  Nei primi giorni successivi alla vaccinazione con Vaxzevria, il vaccino anti covid di AstraZeneca, sono stati segnalati casi...

Ex Ilva, dal Consiglio di Stato niente stop per l’area a caldo

BARI –  È stata pubblicata oggi la decisione del Consiglio di Stato dopo l’udienza dello scorso 13 maggio che ha disposto l’annullamento della sentenza...

Secondo giorno consecutivo di sciopero per i lavoratori dell’ex Ilva di Genova

GENOVA – Seconda giornata consecutiva di sciopero e manifestazione per i lavoratori dello stabilimento Acciaierie d’Italia di Genova Cornigliano contro la richiesta dell’azienda di...

La variante Delta spaventa l’Emilia-Romagna. Bonaccini: “Bisogna dare l’ultima zampata al Covid”

BOLOGNA – Per Stefano Bonaccini bisogna ancora dare “l’ultima zampata” alla pandemia. Il rischio che si abbassi la guardia troppo presto c’è, “anche in...

Pregliasco: “Varianti? Sono quattro quelle che preoccupano”

ROMA – “Le varianti sono un fatto naturale, ormai siamo arrivati alla Lambda, l’undicesima lettera dell’alfabeto greco, ma credo che arriveremo alla fine dello...

Potrebbe interessarti anche...