mercoledì, Dicembre 6, 2023

Nasce Confindustria Professioni e Management, Lupoi presidente

In rappresentanza del mondo dei servizi Head...

Tajani: “soddisfacente andamento export, ma non ci accontentiamo”

Ministro: nei primi 10 mesi 466,5 miliardi...

Zoppas (Ice): lavoro di squadra per consolidare made in italy nel mondo

In cantiere nuove attività strategiche Milano, 5 dic....

Confcommercio: Natale 2023 senza pessimismo, la spesa per i regali a 186 euro

Cresce il volume delle tredicesime, 8 miliardi...

Marche, da Giunta nuove misure a sostegno informazione locale

AttualitàMarche, da Giunta nuove misure a sostegno informazione locale

Aggiornata la normativa e riattiva i contributi per il settore

Roma, 16 nov. (askanews) – Nuove misure a sostegno al settore dell’emittenza radiotelevisiva e dell’editoria locale, per adeguare le disposizioni interne al nuovo quadro normativo comunitario e statale di riferimento e per rilanciare le misure a sostegno di un settore che, negli ultimi anni, è stato interessato da processi di innovazione tecnologica ma anche da una profonda crisi. Sono le finalità della proposta di legge della Giunta regionale “Norme per il sostegno dell’informazione locale”, che a distanza di oltre venticinque anni, revisiona l’attuale normativa in vigore dal 1997.

“Abbiamo voluto aggiornare la normativa e riattivare, dopo dieci anni, uno strumento che si rivolge alle realtà di emittenza e comunicazione locale, che negli ultimi anni sono riuscite a mantenere un presidio sui territori nonostante le trasformazioni del settore – ha riferito il presidente Acquaroli – La pluralità dell’informazione garantisce trasparenza e chiarezza nei confronti dei cittadini e una maggiore capillarità sui territori”.

Dieci articoli in cui la Regione Marche riconosce l’importanza di garantire un pluralismo effettivo e un’informazione di qualità, fondamentali per la democrazia e lo sviluppo sociale ed economico della nostra comunità. Si intende definire una migliore, più puntale e organica disciplina delle misure regionali a sostegno degli operatori dell’informazione locale, che recepisca le nozioni e i principi del recente quadro normativo nazionale e comunitario e tenga, altresì, conto delle mutate esigenze del settore informativo, nonché dell’evoluzione tecnologica e di mercato.

Le nuove misure prevedono l’erogazione di contributi per l’attività di informazione svolta e di contributi per gli investimenti, aggiornando e approfondendo le iniziative e le tipologie di investimenti che saranno sostenute, con precipuo riguardo, da un lato, all’accessibilità e alla fruibilità delle informazioni, e, dall’altro, alla digitalizzazione. La platea dei destinatari degli interventi viene ridefinita alla luce delle nuove nozioni di matrice comunitaria e in considerazione dell’evoluzione tecnologica e delle nuove modalità di fruizione dei prodotti editoriali. Ci si rivolge, pertanto, ai fornitori di servizi di media audiovisivi e radiofonici, alle emittenti radiofoniche e ai soggetti esercenti l’editoria elettronica in ambito locale. Nell’ottica della semplificazione amministrativa, rispetto alla normativa regionale vigente, viene infine snellito anche il procedimento di attuazione degli interventi. L’iter del testo di legge proseguirà nella Commissione assembleare competente fino a giungere all’Assemblea legislativa per l’approvazione definitiva.

Le modalità di attuazione saranno stabilite, dopo l’approvazione, dalla Giunta regionale sentito il Corecom e previo parere della Commissione consiliare competente. La copertura della spesa è garantita dalle risorse regionali già iscritte nello stato di previsione della spesa del Bilancio 2023-2025 e dalle risorse nel Bilancio di previsione 2024-2026 con le rispettive leggi di approvazione del bilancio finanziamento. Con queste nuove misure, la Regione Marche intende sostenere attivamente il settore dell’emittenza radiotelevisiva e dell’editoria locale, contribuendo alla salvaguardia del pluralismo e dell’informazione di qualità sul territorio. Si auspica che tali interventi possano rappresentare un importante stimolo per il rilancio di queste realtà e per la tutela dei diritti dei cittadini all’informazione e alla partecipazione attiva alla vita pubblica.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles